Autunno Dolci al cucchiaio

Montblanc (Montebianco) in millefoglie di meringa e chantilly

20 Novembre 2015
Le castagne. Frutto simbolo dell’autunno e dei primi freddi, che regalano quel profumo inconfondibile di brace e di caldarroste per le nostre vie e le nostre piazze in questo periodo dell’anno. Le castagne, lavorate con cura e maestria in pasticceria, sciroppate e ricoperte di glassa di zucchero, che diventano marron glacé, dolci deliziosi e sopraffini, utilizzati anche quest’oggi nella preparazione del mio dessert. Ma parliamo di lui…il Monblanc. Dessert tipico della cucina Piemonte, dalla classica forma a montagna innevata, in questa mia versione particolare, la purea di marroni, aromatizzata con del cacao e rum, si alterna a croccanti sfoglie di meringa e ad uno strato di crema chantilly. Un insieme di consistenze diverse, di sapori e colori caldi, avvolgenti ed inconfondibili. Il dessert perfetto per le vostre prossime festività…
 
“Son piccina e e rotondetta, son dolcina e son moretta, son di razza montagnina, dell’inverno son regina; son dei bimbi la cuccagna, e mi chiamo la castagna”. 
 
 
 
 
 

 



 
Ingredienti per 4 persone:
 
 
Per la purea di marroni
 
 
  • 500 gr di marroni
  • 350 ml di latte intero
  • 90 gr di zucchero semolato
  • 1 bacca di vaniglia
  • 15 gr di cacao amaro in polvere
  • 1 cucchiaio di rum
 
 
Per le sfoglie di meringa
 
  • 150 gr di albumi a temperatura ambiente
  • 220 gr di zucchero semolato
  • 5 gr di amido di mais
 
 
Per la crema chantilly
 
  • 400 ml di panna fresca
  • 40 gr di zucchero a velo
  • 1 bustina di vanillina
 
 
Per la decorazione
 
  • 150 gr di cioccolato fondente
  • 2 marron glacé
  • zucchero a velo
 
 
Per la meringa: lavorate gli albumi a temperatura ambiente in planetaria. Unite 100 gr di zucchero, Quando inizieranno a gonfiarsi, unite il restante zucchero  a cucchiaiate, aggiungendo infine l’amido di mais setacciato. Quando la meringa sarà diventata stabile, bianchissima e lucida, trasferitela in un sac a poche con la bocchetta liscia e piccola. Disegnate su un foglio di carta da forni dei rettangoli, della dimensione di 11 x 5 cm. Riempiteli con la meringa, delineando i bordi con una spatola (foto 1). Infornate in forno statico a 95° per circa 2 ore. Lasciate raffreddare. Nel frattempo, lessate i marroni in abbondate acqua per circa 30-40 minuti. Sbucciateli ed eliminate completamente la pellicina. In un pentolino, unite i marroni lessati, il latte, lo zucchero ed i semi di vaniglia, e bollite per 25 minuti circa. Scolate le castagne e passatele al setaccio oppure allo schiacciapatate, raccogliendo la purea in una ciotola. Aggiungete poi il cacao ed rum, e se il composto risultasse troppo solido, un paio di cucchiai di panna fresca. Lasciate riposare in frigorifero la purea (foto 3) per almeno mezz’ora.  Per la crema chantilly: montate la panna fresca con lo zucchero e la vanillina. Trasferite la purea di marroni in un sac a poche con la bocchetta liscia e piccola. Formate degli spaghetti sulla prima sfoglia di meringa. Adagiate la seconda sfoglia, create dei ciuffetti di panna montata e chiudete con la terza sfoglia, che cospargerete di zucchero a velo. Decorate con riccioli di cioccolato fondente temperato e mezzo marron glacé.
 
 
 
 

Potrebbe piacerti anche

5 Commenti

  • Rispondi monica 20 Novembre 2015 at 20:06

    Una versione personale molto particolare e bellissima!
    Sei bravissima Claudia, complimenti!

  • Rispondi andreea manoliu 20 Novembre 2015 at 21:44

    Ma che bella presentazione, complimenti, io l'avevo fatto ma nella versione classica, comunque sia è molto buono !

  • Rispondi paola 20 Novembre 2015 at 23:25

    Pensavo di preparare questo dplce per il fine settimana,speriamo che venga bello come il tuo,grazie e buon weekend

  • Rispondi speedy70 21 Novembre 2015 at 15:14

    Raffinatissimo e tanto goloso questo dolce, complimenti!!!!

  • Rispondi Gaudio (Franci) 22 Novembre 2015 at 16:41

    Bello, mi piace molto di piu' della tradizionale montagna innevata!

  • Lascia una risposta

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.